mercoledì 17 aprile 2013

Il segreto di papa'


La situazione piu' tipica che si trova entrando nella nostra casa dopo che sono stata da sola con Pippy e Piggy per circa tre ore e' la seguente:

Vestiti disseminati ovunque, costruzioni e pezzi di puzzle sparpagliati su ogni angolo della casa, scritte sui muri, pozzanghere di succo come se piovesse spremuta dentro casa, terra dai vasi sul pavimento, bambine urlanti tra pianti di fame e puri capricci, tutti gli arnesi da cucina fuori dai cassetti, mille pentole con cibi non bene identificati che bollono, bagno inagibile con vasca ancora piena, paperelle che galleggiano e tutti gli asciugami disponibili per terra. Filo conduttore di questa scena e' la carta igenica che e' stata trasportata dal bagno alla stanza da letto, dalla cucina al salotto esattamente come nella famosa pubblicità'. Nella scena ci sono ovviamente anch'io. Di solito in tuta con una coda mal fatta, senza un filo di trucco e con una bambina per gamba. La cena non solo non e' pronta ma di solito e' da rifare perche bruciatasi o perché', avendo dimenticato di scongelare il brodo e cercando di spaccarlo per far entrare quel enorme blocco nella pentola, l'ho fatto saltare in aria (ecco oltre alle pozzanghere di succo quelle di brodo). La piu tipica frase all'arrivo di Ale e':

“ Sono distrutta non posso andare avanti cosi queste bambine hanno dei problemi!!!!!”

Solitamente Ale prende in mano la situazione e in un batter d'occhio ecco pronta un pappa per Piggy e una bella pasta che Pippy mangia felice.

La situazione invece che ho trovato domenica tornando a casa dopo essere stata via tre ore lasciando Pippy e Piggy con Ale e' stata:

Sottofondo di musica jazz e odorino di pizza fatta in casa. Ale seduto sul divano che legge tranquillo. Pippy che gioca con i lego e Piggy che toglie e mette dei giochini da un cestino. TV spenta, in giro pochi vestiti o giocattoli. Bagno e cucina perfetti. Saluto e le bambine fanno saltare quello che hanno in mano. Piggy comincia a piangere perche si e' ricordata che a lei piace stare in braccio e Pippy decide all'istante che con i lego non ci vuole piu' giocare. Mi abbasso e cerco di prendere entrambe le bimbe in braccio annullando in un secondo i benefici del massaggio appena fatto. Ale mi sorride dal divano. Indossa la camicia jeans che tanto mi piace e ha uno sguardo irresistibile che esprime piena serenita'. Si alza e mi stampa un bacio.

“Ti sei rilassata? Ho fatto la pizza!” 

Cerco di analizzare la situazione, prendo Pippy in disparte  e le chiedo (di solito non mente):

“Papi ti ha messo i cartoni?” 
“No, no.” 

Non soddisfatta penso allora al peggio: massiccie dosi di camomilla, elettroshock... le guardo i polsi ma non vedo segni di corde quindi non le ha legate alla sedia.

Torno in cucina e davanti a me trovo la tavola imbandita, una birra fresca che mi aspetta e la pizza.

“ E le bimbe?”
“Hanno gia' mangiato. Minestrina di brodo di pollo, verdure fresche e ovetto per entrambe”

Mettiamo a letto Piggy in un baleno senza problemi. Pippy accetta di farsi leggere solo due favole e via a letto pure lei.

“Com'e' andata da solo con le due? Ammettilo che ti hanno fatto impazzire...”
“Assolutamente no. Pippy ha colorato mentre io facevo gli esercizi di russo e Piggy a parte qualche breve lagna perche era affamata ha giocato tutto il tempo da sola.”

Mangio la pizza e penso che e' squisita.

Che papa' abbia un segreto?

Designs by Alba.



4 commenti:

  1. Silvia Fantuzzi17 aprile 2013 01:22

    Alicia come ti capisco .... il tuo racconto mi giunge mooolto familiare.... sembra il ritratto di casa mia e io ho una bambina e una part-time :S

    RispondiElimina
  2. Silvia...chissa' perche' con noi mamme sono cosi irrequieti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia Fantuzzi17 aprile 2013 05:07

      ma chi lo sa... forse perchè siamo più agitate e pensiamo a fare più cose in contemporanea... certo che a volte è un bel casino.

      Elimina
  3. sempre detto io.. ci vorrebbero dei maestri di sesso maschile! hanno doti a noi nascoste, lo vedo ogni anno di più nei papà dei miei bimbi.. bravo Ale :-)! Valentina

    RispondiElimina